Museo Guido Calori

Associazione Valorizzazione del Patrimonio Storico San Gemini (Onlus)

Ex Convento di Santa Caterina, Museo Guido Calori

Il fabbricato fa parte del complesso un tempo noto come Monastero di Santa Caterina. Esso include uno dei tre chiostri originariamente presenti. Il tracciato perimetrale originario si suppone risalga ad epoca romana, I – II sec. d.C..

La genesi del Monastero di S. Caterina coincide con la distruzione di Poggio Azzuano nel 1442. L’insediamento crebbe nel tempo con vari apporti tra i quali certamente l’edificio di via del Tribunale che nel chiostro reca la data 1643 e nel tetto A.D. 1709.

L’edificio è formato da tre diversi corpi di fabbrica: il lato nord-ovest che pressoché coincide con la linea delle mure castellane. Il corpo sud-ovest si sviluppa lungo via del Tribunale in linea con il resto del complesso del monastero-ospedale e presenta caratteristiche costruttive omogenee.

Il museo, che oggi raccoglie parte delle opere dello scultore e che aspira in futuro di ottenere tutta la sua produzione, è composto attualmente da cinque sale.

Museo Guido Calori (1885 – 1960)

Informazioni utili

Ex Convento di S. Caterina – Museo Guido Calori
Via del Tribunale