Statuto

Associazione Valorizzazione del Patrimonio Storico San Gemini (Onlus)

Costituzione e Statuto

In data 16/7/1993 è stata costituita l’Associazione Valorizzazione del Patrimonio Storico, con sede in San Gemini, Vicolo Gelli n. 20 (nuova sede) con atto a rogito Notaio Jorio in Terni, rep. nr. 55.960.

Lo Statuto è stato modificato con Verbale di Assemblea straordinaria del 25/11/1994 redatto dal notaio Jorio in Terni, rep. nr. 59541.

Ulteriori modifiche sono state apportate dall’Assemblea straordinaria svoltasi in data 13/02/2009 per recepire la normativa sulle Onlus (Organizzazioni non lucrative di utilità sociale).

Scopo sociale

L’Associazione persegue gli obiettivi di valorizzazione, conservazione, salvaguardia, restauro e recupero del patrimonio e dei beni storici, artistici, culturali ed opere d’arte nel territorio di San Gemini, promuovendo interventi ed iniziative di concerto con le Istituzioni pubbliche e private, con particolare riguardo alla Amministrazione Comunale di San Gemini ed alla Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici dell’Umbria, in accordo anche con altre associazioni presenti sul territorio.

Il sodalizio promuove anche la creazione di strutture che contribuiscano alla fruibilità dei beni e alla loro classificazione.

Per raggiungere lo scopo sociale l’Associazione potrà, come da art. 2 dello Statuto:

a) promuovere studi e ricerche storiche sui beni;
b) promuovere iniziative per un’opera di educazione artistica e culturale a mezzo conferenze, dibattiti, convegni, etc.
c) promuovere e mantenere contatti con Autorità civili e religiose, le Amministrazioni, la Chiesa, le associazioni, Enti ed istituzioni pubbliche, private e religiose.

Nei 16 anni di attività abbiamo svolto numerosi e qualificati interventi a favore del bellissimo patrimonio cittadino,

  • sia con iniziative dirette
  • sia con la promozione di progetti culturali

in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di San Gemini e la Parrocchia unitamente ai seguenti soggetti:

  • University of Wisconsin, con sede a Milwaukee (U.S.A.), Dipartimento di Historic Preservation della School of Architecture and Urban Planning diretto dal Prof. Massimo Cardillo;
  • Università Statale di Valdosta (U.S.A., Georgia) sotto la direzione della Prof.ssa Jane Whitehead;
  • Università americana “John Cabot” (dal 2009);
  • Facoltà di Ingegneria dei Materiali Speciali in Terni;
  • IIDFA di Sanremo (Istituto Italiano Decorazione Floreale Amatori);
  • EDFA di Roma (Ente Decorazione Floreale per Amatori);
  • Comproprietà Eredi Francesco e Alberto Violati;
  • FAI (Fondo per l’Ambiente Italiano), Gruppo di Terni;
  • Scuola Media Statale di San Gemini in accordo con il Provveditorato agli Studi di Terni;
  • Ente Giostra dell’Arme di San Gemini unitamente ai rioni cittadini di Rocca e Piazza;
  • Associazione Pro-Loco di San Gemini;
  • Banda Musicale di San Gemini;
  • Gruppo Sbandieratori di San Gemini

O.n.l.u.s.

L’Associazione è iscritta dal febbraio 2009 al Registro Regionale delle organizzazioni di Volontariato, ai sensi della L. R. 15/1994, assumendo la qualifica di Onlus.

Segreteria

La segreteria dell’associazione è aperta tutti i venerdì dalle ore 16:00
alle ore 19:00.

Quote associative

  • Socio sostenitore € 60
  • Socio ordinario € 30
  • Socio giovane € 10

Le risorse economiche e finanziarie

L’associazione “non ha fini di lucro e si ispira a principi di solidarietà”, come viene sancìto dallo Statuto all’art. 3.

Le risorse economiche dell’associazione provengono dalle quote associative, dai sovvenzionamenti e contributi di enti pubblici e privati, da imprese industriali e commerciali operanti sul territorio, nonché da iniziative di autofinanziamento e di sottoscrizione per specifici progetti.

Sono di particolare rilievo altresì

  • Il contributo speciale della dott.ssa Leda Cardillo Violati (offerte degli sposi – Abbazia S. Nicolò);
  • le prestazioni professionali offerte gratuitamente dai soci;
  • le prestazioni ad opera di esperti e professionisti esterni per studi e ricerche storiche sui beni oggetti di intervento e per conferenze e dibattiti, così come recita l’art. 4 dello Statuto: “Possono aderire alla Associazione con la qualifica di soci tutti coloro che, nello spirito del volontariato, intendono prestare la loro opera gratuitamente per il raggiungimento degli scopi dell’associazione stessa”;
  • l’autofinanziamento e la sottoscrizione per specifici progetti.

L’associazione può altresì raccogliere proventi derivanti da attività commerciali e/o produttive marginali connesse alle finalità istituzionali.

Scarica lo Statuto